Odontoiatria, tecniche digitali per tutta la famiglia: più innovative e meno invasive

Il mondo dell’odontoiatria cambia e si trasforma, offrendo nuove soluzioni sempre più innovative e tecnologiche ai pazienti. Costi ridotti, tempi più brevi, alta precisione, cure personalizzate e soprattutto maggiore affidabilità.

Di questo e altro se n’è discusso nel corso dell’ultimo Congresso Nazionale “Full Digital Dentistry”del CDUO dedicato all’odontoiatria digitale promosso dal Collegio dei Docenti Universitari di Discipline Odontostomatologiche della Sapienza Università (CDUO) in collaborazione con la società scientifica Digital Dentistry Society.

Vediamo le principali novità tecnologiche.

  • Per i più piccoli. Grazie allo scanner intraorale simile a uno spazzolino da denti, la visita dal dentista diventa un bel gioco da fare. I bambini avranno la possibilità di visionare le immagini dei loro dentini direttamente sul monitor del computer. La vecchia TAC viene sostituita dalla nuova tomografia computerizzata cone beam (CBCT), esponendo specie i piccoli pazienti a una quantità di radiazioni notevolmente più bassa.
  • Per gli adolescenti. Si punta a realizzare apparecchi sempre più invisibili, migliorando così la qualità della vita e le relazioni sociali. Gli apparecchi saranno costruiti con materiali innovativi; il ricorso poi, alla tecnologia di imaging digitale 3D permetterà di vedere, prima di cominciare il trattamento, i risultati in anticipo.
  • I trattamenti saranno meno invasivi. Le impronte dentali solitamente venivano effettuate manualmente, provocando fastidio e in alcuni casi vomito, con il risultato finale affidato solo alla bravura del professionista. Oggi, stanno per essere sostituite dalle impronte digitali fatte con una telecamera in modalità 3D, le immagini scansionate attraverso una scansione intraorale sono precise e indolori. In una sola seduta si realizza la protesi dentale, con notevole risparmio di tempo.
  • I vantaggi della digitalizzazione. La digitalizzazione porterà anche alla creazione di un database di dati dei pazienti ricercabile e condivisibile, con l’opportunità di pianificare la cura, a differenza di quanto accadeva prima. Attraverso uno scambio di email, il rapporto medico-paziente s’instaura anche a distanza e può avvenire in real time. Pianificando le visite si possono curare così, pazienti che vivono a chilometri di distanza o all’estero. Il futuro dell’odontoiatria, insomma, è sempre più digitale e sempre più in soccorso di pazienti impossibilitati a muoversi. Con le telecamere intraorali, collegate a un computer, si potranno fare diagnosi a domicilio e cure a distanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *