Torna a Sorridere con Dental Clinic Italia!

Opening Hours : da Lunedì a Sabato dalle 9.00 alle 19.30
  Contact : Tel 089 443034 WhatsApp 392 02 84 239

Dubbi sulla salute dei vostri denti? “Chiedi al dentista”

Due anni e non sentirli. “Chiedi al dentista” è nato a marzo 2015 con l’obiettivo di rispondere ai dubbi degli italiani sulla salute dentale, fornendo strumenti utili per capire se il lavoro svolto dal proprio dentista è soddisfacente.
Il servizio è frutto della collaborazione tra l’Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica (AIOP) e Altroconsumo e vuole promuovere la cultura dell’odontoiatria di qualità.

Dopo due anni si contano più di 1000 consulenze fornite dai dentisti AIOP (le risposte vengono fornite telefonicamente e nel pieno anonimato). Il 53,3% delle persone che ha utilizzato il servizio ha un’età compresa tra 45-65 anni, il 92% si è mostrato soddisfatto del consulto ricevuto e l’83% ha affermato di aver trovato le risposte ai propri dubbi. Il 62,5% ha utilizzato il servizio prima di sottoporsi a un trattamento odontoiatrico, il 17,3% invece, ha chiamato per avere spiegazioni sulle terapie già effettuate. Solo il 20% desiderava ricevere consigli generali.

Le maggiori richieste sono state per trattamenti protesici (47%); il 13,2% su cure legate alla parodontologia, il 12,8% sui preventivi ricevuti, il 12,4% su otturazioni o devitalizzazioni. L’8,4% ha chiesto informazioni generali sul tema ortodonzia e il 7,8% su una corretta igiene orale. Infine, il 6,2% ha ricevuto risposte sui materiali utilizzati per le protesi, la durata e la resa.

Un impegno su questa strada che continuerà da parte di AIOP, “perché crediamo nel valore rappresentato dall’impegno di una società scientifica nell’offrire ai cittadini quell’ascolto e quel supporto umano a volte carenti, in molti ambiti della pratica medica”, ha spiegato Paolo Vigolo, Presidente di AIOP. “‘Chiedi al Dentista’ – conclude Vigolo – è stato un arricchimento anche per noi; ci ha permesso di identificare le reali esigenze e i bisogni informativi degli italiani, facendoci comprendere che è necessario, da parte nostra, imparare a comunicare di più e con maggiore chiarezza con i pazienti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *